Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

Bando

 Avviso per la concessione di contributi a favore delle Micro, Piccole e Medie Imprese per l'attuazione di processi di innovazione


  • Finalità
    L'Avviso, in attuazione delle Delibere della Giunta Regionale n. 65 del 07/02/2017 e n. 412 del 26 giugno 2018 ad oggetto "Trasferimento Tecnologico e prima industrializzazione,  ha lo scopo di attuare processi di innovazione nei piani di investimento aziendali.

    Il contributo in conto capitale, a fondo perduto, è concesso nella forma di sovvenzione, ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti «de minimis».

    La dotazione finanziaria disponibile per le operazioni selezionate con il presente Avviso è pari a  10.000.000,00 euro a valere sull'Azione 3.5.2 "Supporto a soluzioni ICT nei processi produttivi delle PMI, coerentemente con la strategia di Smart Specialization, con particolare riferimento a: commercio elettronicocloud computing,manifattura digitale e sicurezza informatica" del POR Campania FESR 2014-2020 - Asse III "Competitività del sistema produttivo".
  • Beneficiari
    Soggetti con sede legale e/o unità locale nella Regione Campania, quali: 
    • Micro e PMI, anche in forma consortile, costituite da almeno 2 anni alla data di presentazione della domanda;
    • Reti di Micro, di Piccole e Medie Imprese (MPMI) che intendano realizzare un progetto di rete. Le Reti di MPMI devono essere costituite sotto la forma del "contratto di rete", ovvero reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto) o reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), definite ai sensi dei commi 4-ter e 4-quater dell'art. 3 del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33 e ss.mm.ii. La partecipazione al Piano di investimento aziendale deve essere garantita da almeno 3 MPMI.

  • Contributo concedibile 
    La sovvenzione è pari al 70% delle Spese ammissibili dei Piani di Investimento presentati. Per le MPMI, i Consorzi, le Società consortili e le Reti-Soggetto, il contributo massimo concedibile è pari a euro150.000,00 e il Piano di Investimento deve presentare un importo uguale o superiore a euro 50.000,00.

    Per le Reti-Contratto il contributo massimo concedibile è pari euro 150.000,00 per singola MPMI aderente e euro 750.000,00 per l'intero Piano di investimento. Quest'ultimo deve presentare importo uguale o superiore a euro 150.000,00. La spesa ammissibile imputabile ad ogni singola impresa dovrà essere di almeno il 15% della spesa ammissibile del Piano di Investimento.
 
  • Modalità di concessione e criteri di priorità
    La procedura valutativa è a sportello (ordine cronologico di presentazione della domanda e soglia minima di qualità progettuale) con priorità alle Micro e PMI che:
    • prevedano l'implementazione e l'applicazione dei risultati (tecnologie, prototipi, brevetti, ecc) della ricerca e dello sviluppo industriale (denominata "priorità della tipologia di investimento");
    • si organizzino in reti di impresa in una logica di rafforzamento dei settori di eccellenza e/o delle aree di specializzazione (denominata "priorità soggettiva").

  • Interventi ammissibili
    • implementazione ed applicazione dei risultati (tecnologie, prototipi, brevetti, ecc.) della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale nel processo produttivo;
    • implementazione di tecnologie open source;
    • servizi di e- commerce ( e- commerce business-to-business e business-to-consumer);
    • manifattura digitale;
    • tutte le soluzioni che favoriscano l'evoluzione di un sistema di manifattura digitale;
    • sviluppo di soluzioni ICT;
    • sviluppo di sistemi di sicurezza informatica;
    • condivisione e sviluppo di tecnologie open source e di sistemi ICT;
    • soluzioni tecnologiche innovative: ERP (Enterprice Resource Planning), CRM (customer relationship management), business intelligence,business analytics commercio elettronico, manifattura digitale, sicurezza informatica e cloud computing;
    • soluzioni ed applicazioni digitali secondo il paradigma dell'Internet of Things.

  • Spese ammissibili
    • acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e attivi in genere necessari all'applicazione nel processo produttivo dei risultati (es. tecnologie, prototipi, brevetti, ecc) della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale;
    • acquisto di tecnologie open source e basate sull'uso di  internet e di altre tecnologie web;
    • acquisto e l'installazione di hardware, apparati di networking, inclusa la fornitura della tecnologia wi-fi, attrezzature, strumentazioni e dispositivi tecnologici e interattivi di comunicazione e per la fabbricazione digitale, nonché acquisto e installazione di sistemi di sicurezza della connessione di rete;
    • acquisto di software, brevetti e prototipi solo se dalle loro applicazioni si conseguono risultati innovativi nel processo produttivo e sono legati al progetto da agevolare, nonché licenze o altre forme di proprietà intellettuale anche a canone periodico o a consumo. In quest'ultimo caso, le spese saranno ammissibili limitatamente al periodo di durata del progetto;
    • acquisizione di servizi di cloud computing, di registrazione di domini e di caselle di posta elettronica limitatamente al periodo di durata del progetto, nonché acquisizione di servizi informatici, incluse le attività di controllo e monitoraggio;
    • acquisto di sistemi informatici e telematici di gestione aziendale e per applicazioni mobili;
    • acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, strumenti e sistemi nuovi di fabbrica inerenti al progetto presentato.

  • Tempistica
    A decorrere dal 23 luglio 2018 i soggetti richiedenti si registrano nell'apposita sezione della piattaforma informatica, raggiungibile attraverso il link:http://sid2017.sviluppocampania.it.

    A decorrere dal 10 settembre 2018 i soggetti richiedenti compilano i moduli e i relativi allegati presenti nell'apposita sezione della piattaforma.

    A decorrere dalle ore10.00 del 09 ottobre 2018 i soggetti richiedenti procedono all'invio della Domanda di contributo e dei relativi allegati, entro e non oltre le ore 13.00 del 30 ottobre 2018.

    I Piani di investimento aziendali possono essere avviati (data del primo impegno giuridicamente vincolante per l'acquisizione di servizi/fornitura) successivamente alla pubblicazione dell'Avviso sul BURC e devono essere conclusi (quietanza dell'ultima fattura) entro e non oltre 18 mesi dalla data di trasmissione del Decreto di Concessione.


L'Avviso pubblicato sul BURC n.47 del 09/07/2018, disciplina i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione del contributo.


APPROVAZIONE MODULISTICA AVVISO

 
Registrati
Contatti
Help Desk: Da Lunedì al Venerdì  (09:00-13:15)
Tel. 081 796 69 41
PEC: Casella Certificata


News del portale

  Notizie

  FAQ

​DOMANDA

Una azienda  di servizi  ha inserito  nel proprio piano di investimenti oltre software, creazione app, acquisto server , router, cloud ed altre attrezzature, compatibili con le linee guida di industria 4.0,  ha intenzione di acquistare delle attrezzature elettroniche definite anche " TOTEM " da concedere in comodato di uso ( con regolare contratto ) ai propri aderenti alla rete.

L'investimento di cui sopra (TOTEM) non rappresenta la cifra principale dell'investimento, ma è comunque essenziale per il completamento del progetto.

L'art. 11 del bando , punto 2 precisa che i beni materiali devono essere installati presso la sede dell'attività. Ora, in considerazione che tali TOTEM  sono attrezzatura elettronica connessa tramite WEB ai server che l'azienda intenderà acquistare, e che gli stessi saranno sempre e comunque rintracciabili ed identificabili in quanto gli aderenti al network sottoscriveranno regolare contratto di uso, si chiede se l'acquisto della predetta attrezzatura possa rientrare tra i beni agevolabili.

RISPOSTA

No, in quanto l'art. 11 dell'Avviso, rubricato "Spese ammissibili", al comma 2 dispone che: "i beni materiali dovranno essere installati presso la

sede dell'unità locale che beneficia del sostegno e dovranno restare ad uso esclusivo dell'unità locale agevolata e, pertanto, non potranno essere né ceduti a terzi, né essere utilizzati presso altre unità produttive".

​DOMANDA

Cosa si intende per divieto di "sovracompensazione" come indicato all'art. 8 comma 2? In altre parole, fermo restando la non cumulabilità con altri aiuti di Stato, il presente contributo è cumulabile con altre misure che NON costituiscono aiuti di Stato (es. Bonus Ricerca, Iperammortamento...) a patto che non si superi il valore di contribuzione di oltre il 100% del costo del bene?

RISPOSTA

Si. La contribuzione pubblica, sia come aiuti di stato che sotto altre forme di incentivazione, non può superare il 100% della spesa del bene. 

L'Avviso è stato pubblicato sul BURC n.47 del 09/07/2018 e disciplina i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione del contributo.

La registrazione al bando, nell'apposita sezione della piattaforma informatica, raggiungibile attraverso il link: http://sid2017.sviluppocampania.it. (dove è inserito anche il numero dell'help desk 081 7966941) è consentita dal 23/07/18 al 30/10/18. La compilazione dei moduli e dei relativi allegati, presenti nell'apposita sezione della piattaforma, è consentita a partire dal 10/09/18. Infine, a decorrere dalle ore 10.00 del 09 ottobre 2018 i soggetti richiedenti possono procedere all'invio della Domanda di contributo e dei relativi allegati, entro e non oltre le ore 13.00 del 30 ottobre 2018.

​DOMANDA

Volendo proporre un progetto di innovazione per una società che ha necessità di potenziare, tra le altre cose, il proprio segmento di e-commerce, con conseguente studio dei mercati internazionali e ottimizzazione SEO, è possibile prevedere fra le spese del progetto finanziabili le consulenze esterne finalizzate alla progettazione, la realizzazione ed il monitoraggio del sistema web di e-commerce, branding, e ottimizzazione del posizionamento del sito sui maggiori motori di ricerca? Se si, in che misura massima rispetto all'importo del progetto?

RISPOSTA

No, le consulenze esterne citate non rientrano tra le spese ammissibili di all'Art. 11 dell'Avviso. Mentre sono ammissibili l'acquisto di attivi materiali ed immateriali relativi agli interventi di cui all'articolo 9 dell'Avviso, con particolare alle lett. b e c.

In questo elenco sono visibili le ultime 2 FAQ
Vai all' elenco completo delle FAQ